Presentazione

   Questo progetto si pone come primo obiettivo la sicurezza all’interno di aree interportuali individuando situazioni potenzialmente pericolose che potrebbero originare incidenti e prevenendole. L’azione preventiva agirà sia a livello del singolo operatore che a livello dei veicoli operativi nell’area, entrambi saranno dotati di strumentazione tale da permettere ad un centro di controllo di individuare la loro posizione in tempo reale e il loro stato dinamico. Il sistema sarà in grado di localizzare ciascun mezzo cooperativo che operi all’interno dell’area di interesse, predire i suoi possibili movimenti nell’immediato futuro e verificare se questi possano essere causa di incidenti, consentendo perciò di agire con conseguenti azioni preventive. Narvalo si propone quindi, con il suo monitoraggio continuo, di salvaguardare la sicurezza degli operatori e ridurre al minimo i disservizi che si avrebbero in conseguenza di un incidente e che andrebbero ad impattare sulla normale operatività all’interno dell’area portuale.

Contesto di riferimento

Il progetto si propone di indirizzare lo sfruttamento delle tecnologie di Navigazione GNSS di precisione per affrontare la problematica della sicurezza in aree limitate (aeroporti, interporti, porti), in cui avviene la movimentazione di molti mezzi e persone, con un elevato rischio di incidenti che possono avere importanti costi umani ed economici.

Il progetto si caratterizza per l'alto livello di innovatività a nostra conoscenza infatti la messa in sicurezza di un'area operativa è stato tentato solo in ambito marittimo:

     progetto FP7 denominato Safeport basato sui servizi Safety of Life di Galileo per la gestione della sicurezza in ambito marittimo in area portuale.

     Nei settori Automotive e Logistico nessun tentativo è stato fin qui fatto se non a livello della sicurezza del singolo mezzo,  Sono, infatti, commercializzati sistemi di supporto basati su emettitori, laser e telecamere per la sicurezza del singolo mezzo attraverso la realizzazione di un sistema anticollisione che attiva eventualmente anche azioni mitigatrici del rischio (frenata del mezzo).

 

Elementi del sistema

     Terminali mobile GNSS integrati con sensore inerziale basato su COTS a basso costo

     Server per il controllo del rischio incidenti nell’area basato su:

     Software per la stima di precisione della velocità e della posizione  dei mezzi e delle persone collaborative

     Software di supporto alle decisioni (DSS) in grado di prevedere un rischio di incidente tra mezzi e mezzi e persone

     Sistema software di gestione delle allerte e degli allarmi

     Rete di trasmissione dati in tempo reale

Servizi e prodotti

Servizi abilitati dal progetto:

     un servizio di allarme ed allerta per la previsione e mitigazione del rischio di collisione basato sulla conoscenza, mediante navigazione satellitare di precisione, della posizione e della velocità relativa dei mezzi e delle persone operative nell’area;

     un servizio di Fleet Knowledge per i gestori delle attività interportuali, che sapranno la dislocazione di mezzi e persone.

Prodotti sviluppati nell’ambito del progetto:

  • Terminali per il posizionamento di precisione individuale (che includono GNSS,  modulo TLC ed avvisatore acustico)
  • Terminali per il posizionamento di precisione di bordo (che includono GNSS, IMU, modulo TLC, avvisatore acustico e luminoso)
  • SW di allerta ed allarme selettivo
  • SW di processamento dati GNSS/IMU per la stima precisa di posizione e velocità che include anche la certificazione della correttezza della posizione
  • Sistema di Supporto alle decisioni  per la  previsione di rischio collisione
Gter copyleft © 2015 Licenza Creative Commons Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Progetto cofinanziato da ASI nell'ambito del Quarto Bando Riservato alle PMI nazionali nell’ambito tematico “Navigazione e Osservazione della Terra: utilizzo delle Infrastrutture spaziali nazionali e comunitarie”